Home » Notizie » IMPORTANTE PRONUNCIA A TUTELA DELL’INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEI DISABILI

IMPORTANTE PRONUNCIA A TUTELA DELL’INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEI DISABILI

Il Tribunale di Catania emette, accogliendo un nostro ricorso, una significativa Ordinanza, condannando la Città Metropolitana di Catania alla cessazione della condotta discriminatoria in danno di un alunno disabile grave privato di specifiche forme assistenziali in ambito scolastico: il rifiuto di fornire l’assistenza specialistica richiesta per il minore integra infatti una discriminazione indiretta ex art. 2 co. 3
della legge n. 67/2006 nei confronti dello stesso.

Nel caso curato dal nostro studio è stata censurata la condotta dell’Ente locale che con propria disposizione interna (Circolare) pretendeva di subordinare ad altra valutazione medica di propria commissione medico-valutativa, la condizione del minore disabile grave (art.3 c.3 L.104/92) ed il cui PEI scolastico si esprimeva chiaramente nel senso delle necessità assistenziali invocate.

Attraverso tale procedura la commissione predetta avrebbe dovuto accertare se le condizioni esistenti in capo al minore richiedente fossero meritevoli o meno di ottenere il beneficio previsto dalla norma, con ciò pretendendo di assicurare solo ai cd. “disabili gravissimi” la prestazione prescritta e non anche ai disabili gravi, come il minore nostro assistito, così sostanzialmente creando un nuovo livello di accertamento e realizzando una discriminazione, certamente illegittimi.

Ma il Tribunale, correttamente, ritiene discriminatoria tale prassi ed ordina, con nostra piena soddisfazione, l’immediata cessazione della condotta tenuta ed ordina, altresì, l’erogazione della prestazione prevista a benefici del minore disabile grave.